Site Loader
Keep the Change Un Sera di Sesso Selvaggio che Può Salvare Molte Esistenze DSC 7869
Brussels, Belgio 07.12.2020

La notizia dell’Euro Deputato Ungherese József Szájer, che dieci giorni fa è stato scovato dalla polizia in un locale privato che partecipava ad una festa con temi sessuali con altre 25 persone, ha fatto scalpore, sorridere, riflettere e causato la caduta della sua immagine politica nel suo Paese.

Una notizia partita in sordina una sera fredda in pieno lockdown, è diventata virale che non solo è nelle prime pagine dei giornali dei Paesi Bassi, ma ora è completamente in primo piano in mezza Europa.

Conseguentemente alle sue azioni, József Szájer si è dovuto dimettere dalla carica di Europarlamentare ed inoltre ora dovrà rispondere alle autorità belghe sul fatto che in pieno lockdown fosse presente a una festa che avrà conseguenze anche giuridiche per chi ci ha partecipato e chi ha organizzato l’evento.

Quello che intriga la mia osservazione del fatto al momento è capire cosa possa implicare questa storia nel futuro immediato.

Stavo cercando di immaginare i pensieri che correvano nella mente di József Szájer mentre, in una folle, irrazionale frenesia, si arrampicava fuori dalla finestra della casa privata, nel centro di Bruxelles, in cui aveva preso parte a un party dove il tema sessuale, ma più circoscritta all’omosessualità’, stava per cambiarti la vita per sempre.

Immaginate i suoi pensieri, mentre stava fuggendo dall’orgia con altri 25 uomini, mentre la polizia si faceva strada nei locali dopo essere stata allertata da “strani suoni” che riverberavano in tutto l’edificio, da parte dei coinquilini del cittadino polacco che gestiva ed aveva organizzato la festa.

Mi chiedevo: quali erano le paure che hanno provocato la reazione Szájer a fare in fretta nel fuggire ed a farlo con tanta disperazione fino al calarsi dalla finestra sul retro come in un film noir degli anni ‘70?

Quali pensieri stavano rimbalzando nell’interno della mente di questo politico – un politico che ha redatto lui stesso la costituzione ungherese del 2011, discriminando direttamente il matrimonio tra persone dello stesso sesso nel paese e puntando quasi tutta la sua azione politica in una vera caccia alle streghe verso il movimento LBGT del suo Paese?

Naturalmente, a un certo livello, potrebbero essere stati semplicemente pensieri di terrore. Essendo un uomo seriamente importante nella vita politica ungherese, membro del Parlamento europeo dal 2004 e con la sua esperienza, lo porta ad essere di sicuro ben consapevole delle ramificazioni politiche che l’episodio potrebbe comportare per il suo partito di estrema destra Fidesz.

Scappava e pensava a questo, senza dubbio.

Oppure pensava e temeva per il danno che lo scandalo avrebbe arrecato al suo matrimonio, essendo lui stato sposato con il giudice Tünde Handó dal 1983, giudice di alto profilo nella vita sociale e politica ungherese.

Keep the Change Un Sera di Sesso Selvaggio che Può Salvare Molte Esistenze DSC 7893
Brussels durante il Lockdown ©massimousaiphotos

Ma forse potrebbe avere avuto semplicemente la preoccupazione puramente razionale di essere rimproverato dalle autorità Europee e Belghe, per aver preso parte a un raduno di massa durante il periodo di blocco del coronavirus in Belgio.

Ma Szájer, in qualità di membro fondatore della Fidesz, Partito nazional-conservatore, ha avuto probabilmente una fitta di tragica veglia, quasi un episodio Epifano, nel momento in cui la squadra di poliziotti belgi ha iniziato a bussare alla porta di casa dell’oramai famoso “gay party”.

Fuggire come ha fatto lui, in un modo così frenetico e pietoso, gioca in modo analogo alla situazione della comunità LGBT emarginata nel suo stesso paese – fuggendo come fanno, su base metaforica o addirittura letterale, ogni singolo giorno della loro vita, in una cultura che ha demonizzato profondamente l’omosessualità.

Quello di cui Szájer forse ha pensato al momento della sua audace e ridicola fuga, non è stato solo il danno collaterale alla sua reputazione, al suo sostentamento o al suo matrimonio: la speranza è che abbia avuto una visione improvvisa, perforante e terrificante del proprio senso di vergogna per un’attività che dovrebbe essere invece senza vergogna in una moderna democrazia liberale.

In sostanza, Szájer, per un breve momento, spero abbia provato la sensazione di cosa significhi essere un omosessuale, vivere la realtà della sua sessualità in una società intollerabile.

Nella realtà dei fatti e per sua fortuna, Szájer, residente nella società liberale di Bruxelles, non aveva nulla da temere della sua tendenza sessuale, al massimo una multa per aver partecipato ad un Party illegale. 

Ma nel nostro mondo, non c’è nulla nell’unione d’amore tra due uomini (o, in questo caso, un gruppo di uomini) di cui vergognarsi, perché’ Bruxelles non è Budapest. 

L’avrà capito il signor Szájer?

La campagna antigay dell’Ungheria non si limita solo alla stesura della costituzione di Szájer, che afferma che il paese “proteggerà l’istituzione del matrimonio come unione di un uomo e una donna stabilita per decisione volontaria, e la famiglia come base di la sopravvivenza della nazione. “

Budapest ha anche proposto ulteriori emendamenti alla costituzione che violerebbero i diritti della comunità LGBT di adottare bambini, nonché ulteriori erosioni al riconoscimento legale delle persone transgender nel paese.

Eppure, nonostante l’ipocrisia esasperante che emerge dall’impero della paura che Fidesz si è sforzata di costruire negli ultimi anni, prevale un senso di speranza nella storia devastante di József Szájer.

Perché in molti modi, dopo che le risate auliche delle folle brulicanti si saranno placate, rimarrà al centro di questa storia l’immagine dolorosamente tragica di un uomo così profondamente spaventato dal teatro di discriminazione che lui stesso ha costruito.

Szájer ora ha una scelta. 

Come lui l’hanno i suoi simili pensatori nel suo Paese o in Polonia, dove il Partito di maggioranza PIS vede nel Governo ungherese un perfetto alleato per le loro politiche repressive contro i Diritti Umani.

Dicevo, ha una scelta da fare. 

Certo, può reprimersi ancora di più e ritirarsi dal pubblico nel tentativo di salvare ogni residuo di una “tranquilla vita privata” che spera di avere. Lo farebbe non solo sapendo che questa è soprattutto un’esistenza falsificata della sua vera natura, ma estenderebbe anche il dominio della paura che Fidesz ha comprovato in Ungheria, a scapito di milioni nella sua stessa comunità.

Oppure può redimersi.

Ora Szájer potrebbe mobilitare questo ritrovato senso di fama di cui è entrato in possesso, per aiutare coloro che si sono sentiti così emarginati dal lavoro politico della sua stessa mente malata. 

Potrebbe cogliere l’occasione per difendere le persone che per tanti anni ha discriminato, forse perché’ represso dalla sua vera natura.

In Ungheria, la comunità LGBT ora guarda a Szájer come un esempio di come un gay reso “pubblico” nel paese dovrebbe portare con sé la sua omosessualità in pubblico. 

Dopo aver già fatto un grande tradimento, sicuramente non dovrebbe farne un altro?

Oppure questa è solo un’illusione e alla fine il nazionalismo fanatico cattolico di questi uomini e donne, che vorrebbero riportare il Mondo come era 200 anni fa, perverrà sulla realtà dei fatti?

Comunque si osservi l’intera vicenda, un piccolo episodio di cronaca potrebbe causare una grande rivoluzione in un Paese, l’Ungheria, che cerca d’essere moderno e aperto ed Europeo, ma che ha ancora molta strada da fare per esserlo.

By Massimo Usai

Pictures of Trees in The woods

La mia pelle che assomiglia sempre di piu’ alla corteccia degli alberi.

by Massimo Usai Mi piace scattare foto di cortecce d’alberi, tronchi particolarmente belli se ne vedono parecchi nei parchi o nei boschi prossimi alla città, e potrei anche dare loro una piccola pacca mentre passo, un po’ come si fa con le persone anziane per sentire la consistenza della loro pelle.  Non sono l’unico a […]

dovrebbe riflettere

C’e’ chi potrebbe o vorrebbe, ma alla fine dovrebbe soltanto smettere di giudicare gli altri.

By Massimo Usai Ci sono parole che usiamo in maniera sistematica e che non sappiamo piu’ neppure il significato che essenzialmente hanno. In particolare sentiamo e leggiamo mille volte al giorno queste seguenti parole: “Potrebbe”, “vorrebbe” e “dovrebbe” . Esse sono per il sottoscritto il triumvirato semantico della disillusione. Purtroppo sono la conseguenza dei tempi […]

Keep the Change Ferocemente seduto al Bar guardando la gente che passa DSC 0822

Ferocemente seduto al Bar guardando la gente che passa

By Massimo Usai Sciovinisti e fanatici. Classici Patrioti dall’insulto facile. Sono coloro che creano gli incidenti diplomatici internazionali e sono sempre loro che buona parte dei media segue per trovare la notizia utile per pubblicare una pagina online che attiri milioni di click. Il loro unico vero obbiettivo come informazione, non la verità, ma il […]

Economia porte

Il nuovo “boom economico” è in arrivo. È ora di iniziare ad avere una sensazione positiva sul futuro che ci aspetta.

By Massimo Usai Stiamo realmente assistendo a l’inizio di un nuovo  boom economico come leggiamo da dichiarazioni di ogni politico, in qualunque giornale del mondo, di qualunque Nazione puntiamo l’occhio in queste ultime settimane? E’ all’orizzonte un periodo d’oro per l’intera popolazione del Pianeta? Secondo moltissime organizzazioni Mondiali di Economia, la sconfitta e il contenimento del […]

Radio Program

“Keep the Change”, non solo piu’ Blog, ma anche alla Radio da stasera

by Massimo Usai Keep The Change, è il nome di questo blog. Da stasera sarà anche il titolo di un programma radiofonico settimanale che andrà in onda ogni lunedì dalle ore 21 per un’ora in mia compagnia. Questa sotto e’ il promo del programma, ma nei prossimi giorni sara’ possibile anche avere il programma sul […]

big ben structure near white concrete structure

5 punti cruciali per ispirare un futuro migliore e che spiegano il dolore e la delusione che mi avvolge da alcuni anni.

by Massimo Usai. (English Version Here) PREFAZIONE OBBLIGATORIA: IL PUNTO DI PARTENZA Da dove arriva tutta questa delusione e pena che devo sopportare in questi giorni? C’e’ speranza per il futuro? M da dove parte il tutto? Dalla lunga chiusura per la Pandemia? Dal fatto che il mio Arsenal stia facendo la peggiore stagione degli […]

man in black suit jacket with hands on his head

Problema No. 1: Come Vestirsi Cool In Questo Nuovo Mondo?

By Massimo Usai Ed eccoci arrivare al vero problema di questi giorni.. Quelli che mi ero stupidamente dimenticato ed avevo sottovalutato. Trascorrere nuovamente molto del mio tempo sociale fuori di casa e non su zoom, mi ha presentato  una sfida che non mi aspettavo: semplicemente non c’è un buona camicia o un buon paio di jeans […]

Strade e terrazze vuote

Che Si Aprano Le Terrazze, Ho Bisogno Del “Rumore”

By Massimo Usai È ufficiale, le terrazze e i locali di mezza Europa riapriranno nel mese di Maggio. Onestamente, stavo iniziando a pensare che questo giorno non sarebbe mai arrivato. Alcuni forse pensano che non sia abbastanza, e possono anche non considerare un ritorno alla normalità, ma il fatto che qualcosa e qualcuno ritornerà in […]

Il mio ( e il nostro ) 1˚ anno nella "Pandemia"

Il mio ( e il nostro ) 1˚ anno nella “Pandemia”. Un’esperienza collettiva.

By Massimo Usai Il mio primo anno della “pandemia” è iniziato la sera di mercoledì 05 marzo 2020, quando sono stato costretto a cancellare i biglietti aerei che avevo acquistato una settimana prima, per il giorno successivo, per un weekend di inizio primavera da passare tra Roma e Napoli. Per la prima metà di quella […]

Guanti Verdi

Guanti Verdi e Volpi curiose sotto la luce lunare.

By Massimo Usai . Aspetta. Dobbiamo aspettare c’e’ una volpe che ci sta guardando ora dall’altro lato della strada. Venderei senza dubbio il nostro segreto, i nostri tesori nascosti e che appaiono al centro dei nostri sogni ogni notte. Solo per poter vedere quella stella morente che cade nel mezzo della notte e che riflette […]

Antimo Magnotta play live in London

Antimo Magnotta, Il Pianista Italiano alla V&A di Londra che dimostra come la vita e’ degna d’essere vissuta per intero.

Intervista di Massimo Usai Quando due italiani si incontrano a Londra, le discussioni vanno sempre super giu’ allo stesso modo: alcune parole sull’Italia e molti commenti su come va la vita nella nuova citta’. Ho incontrato Antimo  per caso qualche anno fa, mentre faceva il suo lavoro: Il Pianista. Un giorno, Tony, un mio caro amico […]

Pandemic Time News Blog

Come riportare news sul blog in un 2021 così complicato ?

by Massimo Usai English Version È difficile scrivere news nel blog quando non sai se le notizie saranno cambiate quando vai a pubblicare. Ed ecco perché’ cerco ultimamente di scrivere “storie” su questo blog, anziché’ inseguire news e polemiche varie che accompagnano questo 2021 che pare stia per diventare un “secondo anno pandemico”, una crisi […]

cold glacier iceberg melting

Un viaggio fantastico in Groenlandia

By Massimo Usai ENGLISH VERSION La scorsa settimana sono tornato da un fantastico viaggio in Groenlandia, che credo rimarrà nel mio cuore per sempre. Il posto era spettacolare. Non credo di aver mai scattato così tante belle foto in pochi giorni. La luce, i soggetti, l’atmosfera. Se sai cosa stai facendo, se puoi usare la […]

blue vinyl record playing on turntable

Una canzone che ti emoziona. Non sarà’ l’ultima volta.

By Massimo Usai Se pensi che ascoltare musica sia consolante, ti sbagli grossolanamente. Quando le parole di una canzone escono dagli altoparlanti e attirano ulteriori emozioni dentro di te  –   si costruisce un’ondata  di reazioni  – che alla fine colpisce le tue giornate  e le notti con sogni che crescono in  modo spettacolare quando le ore sono brevi ed è già […]

Travel To Live

Il desidero e la paura di viaggiare in questo preciso istante.

By Massimo Usai (ENGLISH VERSION HERE) Mi sveglio senza preavviso e vado in giro per la casa. Saranno forse le 5 del mattino, ma non voglio controllare la sveglia. Continuo a vagare dalla cucina al divano e viceversa. Guardo distrattamente il libro che ho lasciato aperto la scorsa notte prima di prendere sonno. Noto che […]

Keep the Change Una Nazione che e' di fatto un "Brand". Tempo per trasformarlo, abbandonarlo o tenerlo in coma per ancora qualche anno? London 196

Una Nazione che e’ di fatto un “Brand”. Tempo per trasformarlo, abbandonarlo o tenerlo in coma per ancora qualche anno?

By Massimo Usai Quando una Nazione vive come un “Brand”, la vita democratica è a rischio al suo interno. In molti l’hanno avvertito e denunciato da anni, l’ho dovuto vivere di prima persona prima di ammetterlo a me stesso, ma la “Gran Bretagna” è in buona parte solo un prodotto commerciale, un “brand, per chiamarla […]

Keep the Change As The Love Continues - Mogwai - 141696 widescreen

As The Love Continues – Mogwai –

By Massimo Usai Mi sono avvicinato agli scozzesi Mogwai nel 1997. Si, proprio con il loro primo album, l’immortale “Mogwai Young Team”. Fine del millennio, un sogno nel cassetto di cambiare vita.  Musiche che languidamente mi entravano in ogni angolo del corpo.  “Yes! I Am a Long Way from Home” apriva l’album in modo superbo, […]

Loading…

Something went wrong. Please refresh the page and/or try again.

Massimo Usai

Leave a Reply

Related Posts More From Author