Site Loader
Un Sera di Sesso Selvaggio che Può Salvare Molte Esistenze DSC 7869
Brussels, Belgio 07.12.2020

La notizia dell’Euro Deputato Ungherese József Szájer, che dieci giorni fa è stato scovato dalla polizia in un locale privato che partecipava ad una festa con temi sessuali con altre 25 persone, ha fatto scalpore, sorridere, riflettere e causato la caduta della sua immagine politica nel suo Paese.

Una notizia partita in sordina una sera fredda in pieno lockdown, è diventata virale che non solo è nelle prime pagine dei giornali dei Paesi Bassi, ma ora è completamente in primo piano in mezza Europa.

Conseguentemente alle sue azioni, József Szájer si è dovuto dimettere dalla carica di Europarlamentare ed inoltre ora dovrà rispondere alle autorità belghe sul fatto che in pieno lockdown fosse presente a una festa che avrà conseguenze anche giuridiche per chi ci ha partecipato e chi ha organizzato l’evento.

Quello che intriga la mia osservazione del fatto al momento è capire cosa possa implicare questa storia nel futuro immediato.

Stavo cercando di immaginare i pensieri che correvano nella mente di József Szájer mentre, in una folle, irrazionale frenesia, si arrampicava fuori dalla finestra della casa privata, nel centro di Bruxelles, in cui aveva preso parte a un party dove il tema sessuale, ma più circoscritta all’omosessualità’, stava per cambiarti la vita per sempre.

Immaginate i suoi pensieri, mentre stava fuggendo dall’orgia con altri 25 uomini, mentre la polizia si faceva strada nei locali dopo essere stata allertata da “strani suoni” che riverberavano in tutto l’edificio, da parte dei coinquilini del cittadino polacco che gestiva ed aveva organizzato la festa.

Mi chiedevo: quali erano le paure che hanno provocato la reazione Szájer a fare in fretta nel fuggire ed a farlo con tanta disperazione fino al calarsi dalla finestra sul retro come in un film noir degli anni ‘70?

Quali pensieri stavano rimbalzando nell’interno della mente di questo politico – un politico che ha redatto lui stesso la costituzione ungherese del 2011, discriminando direttamente il matrimonio tra persone dello stesso sesso nel paese e puntando quasi tutta la sua azione politica in una vera caccia alle streghe verso il movimento LBGT del suo Paese?

Naturalmente, a un certo livello, potrebbero essere stati semplicemente pensieri di terrore. Essendo un uomo seriamente importante nella vita politica ungherese, membro del Parlamento europeo dal 2004 e con la sua esperienza, lo porta ad essere di sicuro ben consapevole delle ramificazioni politiche che l’episodio potrebbe comportare per il suo partito di estrema destra Fidesz.

Scappava e pensava a questo, senza dubbio.

Oppure pensava e temeva per il danno che lo scandalo avrebbe arrecato al suo matrimonio, essendo lui stato sposato con il giudice Tünde Handó dal 1983, giudice di alto profilo nella vita sociale e politica ungherese.

Un Sera di Sesso Selvaggio che Può Salvare Molte Esistenze DSC 7893
Brussels durante il Lockdown ©massimousaiphotos

Ma forse potrebbe avere avuto semplicemente la preoccupazione puramente razionale di essere rimproverato dalle autorità Europee e Belghe, per aver preso parte a un raduno di massa durante il periodo di blocco del coronavirus in Belgio.

Ma Szájer, in qualità di membro fondatore della Fidesz, Partito nazional-conservatore, ha avuto probabilmente una fitta di tragica veglia, quasi un episodio Epifano, nel momento in cui la squadra di poliziotti belgi ha iniziato a bussare alla porta di casa dell’oramai famoso “gay party”.

Fuggire come ha fatto lui, in un modo così frenetico e pietoso, gioca in modo analogo alla situazione della comunità LGBT emarginata nel suo stesso paese – fuggendo come fanno, su base metaforica o addirittura letterale, ogni singolo giorno della loro vita, in una cultura che ha demonizzato profondamente l’omosessualità.

Quello di cui Szájer forse ha pensato al momento della sua audace e ridicola fuga, non è stato solo il danno collaterale alla sua reputazione, al suo sostentamento o al suo matrimonio: la speranza è che abbia avuto una visione improvvisa, perforante e terrificante del proprio senso di vergogna per un’attività che dovrebbe essere invece senza vergogna in una moderna democrazia liberale.

In sostanza, Szájer, per un breve momento, spero abbia provato la sensazione di cosa significhi essere un omosessuale, vivere la realtà della sua sessualità in una società intollerabile.

Nella realtà dei fatti e per sua fortuna, Szájer, residente nella società liberale di Bruxelles, non aveva nulla da temere della sua tendenza sessuale, al massimo una multa per aver partecipato ad un Party illegale. 

Ma nel nostro mondo, non c’è nulla nell’unione d’amore tra due uomini (o, in questo caso, un gruppo di uomini) di cui vergognarsi, perché’ Bruxelles non è Budapest. 

L’avrà capito il signor Szájer?

La campagna antigay dell’Ungheria non si limita solo alla stesura della costituzione di Szájer, che afferma che il paese “proteggerà l’istituzione del matrimonio come unione di un uomo e una donna stabilita per decisione volontaria, e la famiglia come base di la sopravvivenza della nazione. “

Budapest ha anche proposto ulteriori emendamenti alla costituzione che violerebbero i diritti della comunità LGBT di adottare bambini, nonché ulteriori erosioni al riconoscimento legale delle persone transgender nel paese.

Eppure, nonostante l’ipocrisia esasperante che emerge dall’impero della paura che Fidesz si è sforzata di costruire negli ultimi anni, prevale un senso di speranza nella storia devastante di József Szájer.

Perché in molti modi, dopo che le risate auliche delle folle brulicanti si saranno placate, rimarrà al centro di questa storia l’immagine dolorosamente tragica di un uomo così profondamente spaventato dal teatro di discriminazione che lui stesso ha costruito.

Szájer ora ha una scelta. 

Come lui l’hanno i suoi simili pensatori nel suo Paese o in Polonia, dove il Partito di maggioranza PIS vede nel Governo ungherese un perfetto alleato per le loro politiche repressive contro i Diritti Umani.

Dicevo, ha una scelta da fare. 

Certo, può reprimersi ancora di più e ritirarsi dal pubblico nel tentativo di salvare ogni residuo di una “tranquilla vita privata” che spera di avere. Lo farebbe non solo sapendo che questa è soprattutto un’esistenza falsificata della sua vera natura, ma estenderebbe anche il dominio della paura che Fidesz ha comprovato in Ungheria, a scapito di milioni nella sua stessa comunità.

Oppure può redimersi.

Ora Szájer potrebbe mobilitare questo ritrovato senso di fama di cui è entrato in possesso, per aiutare coloro che si sono sentiti così emarginati dal lavoro politico della sua stessa mente malata. 

Potrebbe cogliere l’occasione per difendere le persone che per tanti anni ha discriminato, forse perché’ represso dalla sua vera natura.

In Ungheria, la comunità LGBT ora guarda a Szájer come un esempio di come un gay reso “pubblico” nel paese dovrebbe portare con sé la sua omosessualità in pubblico. 

Dopo aver già fatto un grande tradimento, sicuramente non dovrebbe farne un altro?

Oppure questa è solo un’illusione e alla fine il nazionalismo fanatico cattolico di questi uomini e donne, che vorrebbero riportare il Mondo come era 200 anni fa, perverrà sulla realtà dei fatti?

Comunque si osservi l’intera vicenda, un piccolo episodio di cronaca potrebbe causare una grande rivoluzione in un Paese, l’Ungheria, che cerca d’essere moderno e aperto ed Europeo, ma che ha ancora molta strada da fare per esserlo.

By Massimo Usai

clima che peggiora

Le discussioni sul clima si devono affrontare mantenendo la calma davanti alle provocazione degli scettici

Articolo di Massimo Usai Ultimamente, mentre ci avviciniamo al vertice sul clima delle Nazioni Unite, che comincia proprio domenica prossima a Glasgow, parecchi giornali conservatori e alcuni politici di tendenza simile, hanno scritto e parlato molto del clima, cercando di sminuire il problema il più possibile. Il Wall Street Journal (giornale vicino alle posizione dei […]

Torino Turin Eurovision Piemonte Italia

Torino: Ogni scusa e’ eccellente per visitare l’ex Capitale d’Italia.

Testo e Foto by Massimo Usai   English Version HERE     EUROVISION SONG CONTEST 2022 A TORINO La notizia di queste settimane è che l’Eurovision Song Contest del prossimo anno si svolgerà nella città italiana di Torino, cosi è stato annunciato a sorpresa nei giorni scorsi dagli organizzatori.   Diverse città italiane tra cui […]

Riscaldamento globale

Il riscaldamento globale è così grave che sono sorpreso che ancora c’e’ chi ignora il pericolo e preferisce dividerci in fazioni opposte.

By Massimo Usai (English Version HERE ) Ricordo che la prima volta che mi hanno parlato di riscaldamento globale ero ancora sui banchi della scuola. L’insegnate era uno alternativo e progressista, aveva studiato a Bologna e si vedeva da come vestiva, da come parlava e di cosa parlava. Ci mostro’ le foto degli orsi polari […]

2021: man in gray shirt sitting on chair in front of computer

Dove andare? Cosa fare? Come farlo? Prevedere il lavoro per il 2022 sarà’ più difficile delle previsioni fatte relative al 2021

By Massimo Usai ( Puoi leggere il post oppure ascoltarlo sul podcast, a te la scelta ) Ho provato, a gennaio, a prevedere cosa sarebbe stato il 2021, pochissimi di noi ci avrebbero messo dei soldi anche sulle nostre stesse previsioni, essendo l’anno in cui tutti, ma proprio tutti, non sapevano se in pochi mesi […]

Ciclismo Mondiale 2021

100 anni Mondiali, 100 anni di grande ciclismo – A glorious day out –

by Massimo Usai Sono un appassionato di ciclismo fin da bambino ed ho praticato per tanti anni lo sport, per poi finire quando ancora giovane non riuscii a sopportare I venti della Sardegna su strade piatte e la mancanza di gente appassionata attorno a me. Differente quando vivendo in Piemonte, dove strade e passione, mi […]

Cibo

Spreco alimentare: Quintali di cibo nel secchio della spazzatura. Siamo arrivati al limite sopportabile.

by Massimo Usai SOSTENIBILITÀ : PIÙ CIBO, MENO SPRECHI Prendo spunto da una serie di articoli che ho letto recentemente collegati al possibile tracollo mondiale dovuto alla scellerata gestione del Pianeta fino ad oggi perpetuata da parte dell’umanità e da questo articolo ho preso spunti e numeri ed ho aggiunto alcune riflessioni per vedere se, nel mio […]

No, gli italiani non sono snob… diciamo le cose come stanno: sono solo realisti!!! London 524

No, gli italiani non sono snob… diciamo le cose come stanno: sono solo realisti!!!

Testo e Foto @massimousai PARTIAMO DAI LUOGHI COMUNI C’è un luogo comune all’estero che vede gli italiani essere troppo snob e in certo senso intolleranti verso il cibo che non arrivi dalla penisola. La realtà è molto differente, la verità e’ che la maggior parte degli italiani non è così “razzista nel cibo“, a molti […]

L'Ultimo Viaggio. Alla ricerca di Nuovi stimoli e alla ricerca di se stessi. DSCF3083

L’Ultimo Viaggio. Alla ricerca di Nuovi stimoli e alla ricerca di se stessi.

Guardando Indietro per andare avanti (English version here) Testo e Fotografie di Massimo Usai Mentre comincio a fare piani per i viaggi futuri, sto pensando all’ultimo posto che ho visitato ed ho usato per opportunità fotografiche e per ispirare storie da scrivere. Allo stesso tempo in cui guardo con ottimismo a nuove avventure, i ricordi […]

body of water near city buildings

Lo shock che ancora forse non e’ passato, dopo piu’ di 20 anni.

By Massimo Usai Gli attacchi terroristici dell’11 settembre sono stati uno shock per il sistema americano e mondiale, e non sono certo che il Mondo si sia ripreso completamente dalle conseguenze di quegli orribili eventi avvenuti esattamente 20 anni orsono.  Senza alcun dubbio, storicamente abbiamo da tracciare una linea tra l’11/9 e il tumultuoso clima […]

3 shots in quick succession and One bonus photo at the end of the day

Il Sole Dopo la pioggia e’ sempre garanzia di ottime situazioni

By Massimo Usai La pioggia era persistente tutti il giorno, il che non è inusuale se vivi nel nord dell’Europa a pochi passi dall’Atlantico. Non era la prima volta che vedevo piovere in quella maniera, ho vissuto per 20 anni a Londra e so bene cosa vuol dire “pioggia persistente”, per cui ho pensato più […]

Un fine settimana a Venezia alla ricerca di Cicchetti e Ombre DSCF1686

Un fine settimana a Venezia alla ricerca di Cicchetti e Ombre

By Massimo Usai Da moltissimi anni, Venezia ha un posto di tutto rilievo nei sogni della gente tra le destinazioni preferite al mondo dove passare una vacanza. Famosa per i suoi bellissimi e meravigliosi canali e palazzi, Venezia si presenta sotto un’atmosfera da sogno in qualunque periodo dell’anno. Penso che il tutto sia dovuto al […]

Il Belgio ha anche belle giornate durante l'anno. Bisogna prenderle con entusiasmo appena si presentano. DSC 8231

Il Belgio ha anche belle giornate durante l’anno. Bisogna prenderle con entusiasmo appena si presentano.

By Massimo Usai La percentuale dei vaccinati in Belgio ha raggiunto livelli altissimi. Il 76% della popolazione ha almeno una dose e ben il 67% ne ha completato il ciclo. Questi dati si trasformano poi in flusso umano in giro per le città, che tradotto vuol dire business e vita sociale. Ieri sera ho fatto […]

Storie da raccontare, storie da condividere, storie per rimanere vivi. fb3f8a21 415d 4851 831b 78409673dc3f 1

Storie da raccontare, storie da condividere, storie per rimanere vivi.

By Massimo Usai Sto scoprendo di avere un sacco di storie da raccontarvi, che, senza il vostro continuo sostegno, visitando il blog regolarmente e scrivendomi belle cose nella mia email box, sarebbero rimaste solo nel mio cuore. L’estate volge al termine e in questo tempo ho maturato nuove storie, nuove riflessioni e nuove considerazioni, legate […]

railroad tracks in city

Una Nuova collaborazione di cui sono felice d’annunciare.

By Massimo Usai Da questo mese comincio una collaborazione importante di cui sono fiero e che spero possa portare tante belle cose e che siano le conseguenze di tanti bei viaggi. Si, perché’ di viaggi si tratta.  La rivista si chiama Latitudes Travel Magazine , ha sede a Milano e via internet la potete leggere […]

photo of man wearing brown coat

Tutti i giorni a mani vuote

by Massimo Usai Sono tre giorni che esco per comprarmi dell’abbigliamento e sono tre giorni che torno a casa a mani vuote. Cerco delle scarpe, ma vorrei anche una bella camicia e un paio di pantaloni che non siano noiosi come dei semplici jeans. Giro per negozi del centro e evito per questioni ovvie, le […]

Pictures of Trees in The woods

La mia pelle che assomiglia sempre di piu’ alla corteccia degli alberi.

by Massimo Usai Mi piace scattare foto di cortecce d’alberi, tronchi particolarmente belli se ne vedono parecchi nei parchi o nei boschi prossimi alla città, e potrei anche dare loro una piccola pacca mentre passo, un po’ come si fa con le persone anziane per sentire la consistenza della loro pelle.  Non sono l’unico a […]

dovrebbe riflettere

C’e’ chi potrebbe o vorrebbe, ma alla fine dovrebbe soltanto smettere di giudicare gli altri.

By Massimo Usai Ci sono parole che usiamo in maniera sistematica e che non sappiamo piu’ neppure il significato che essenzialmente hanno. In particolare sentiamo e leggiamo mille volte al giorno queste seguenti parole: “Potrebbe”, “vorrebbe” e “dovrebbe” . Esse sono per il sottoscritto il triumvirato semantico della disillusione. Purtroppo sono la conseguenza dei tempi […]

Ferocemente seduto al Bar guardando la gente che passa DSC 0822

Ferocemente seduto al Bar guardando la gente che passa

By Massimo Usai Sciovinisti e fanatici. Classici Patrioti dall’insulto facile. Sono coloro che creano gli incidenti diplomatici internazionali e sono sempre loro che buona parte dei media segue per trovare la notizia utile per pubblicare una pagina online che attiri milioni di click. Il loro unico vero obbiettivo come informazione, non la verità, ma il […]

Loading…

Something went wrong. Please refresh the page and/or try again.

Massimo Usai

Leave a Reply

Related Posts More From Author