Un fine settimana a Venezia alla ricerca di Cicchetti e Ombre DSCF1686

Un fine settimana a Venezia alla ricerca di Cicchetti e Ombre

By Massimo Usai

Da moltissimi anni, Venezia ha un posto di tutto rilievo nei sogni della gente tra le destinazioni preferite al mondo dove passare una vacanza.

Famosa per i suoi bellissimi e meravigliosi canali e palazzi, Venezia si presenta sotto un’atmosfera da sogno in qualunque periodo dell’anno.

Penso che il tutto sia dovuto al fatto che si una una città costruita sull’acqua, ma anche perché’ la sua storia e le sue legende, sono impressi nella mente di chiunque al Mondo.

La Venezia della gente del posto può essere enigmatica e nessun aspetto della cultura veneziana è stato sottovalutato o frainteso negli ultimi decenni della cucina veneziana.

Una sfortunata combinazione di cattiva politica da parte dei ristoranti locali e mancanza di istruzione da parte dei turisti ha portato a un sotto-apprezzamento di massa della gastronomia veneziana. Ma ora, grazie a un rinnovato interesse per i  cicchetti, le prelibatezze tradizionali veneziane e i deliziosi piatti locali stanno tornando sotto i riflettori e hanno ricominciato a essere apprezzati da italiani e visitatori stranieri.

COSA SONO CICCHETTI?

I cicchetti sono piccoli snack, simili nel concetto alle tapas spagnole, che vengono tipicamente mangiati accompagnati da un piccolo bicchiere di vino, chiamato ombra. Alcune teorie implicano che la parola veneziana  cicchetto  derivi dalla parola spagnola chico, usata per implicare qualcosa di piccolo, poiché la dimensione dei cicchetti è piccola come un antipasto.

Storicamente, i  bàcari  offrivano cicchetti insieme al vino della casa locale da mangiare in piedi al bancone del bar.

Nella cultura italiana, un buon bicchiere di vino viene sempre consumato con qualcosa da mangiare in quanto aiuta a evitare di ubriacarsi involontariamente!

C’è una grande varietà quando si tratta di diversi tipi di cicchetti e, a seconda della creatività dello chef, possono essere completamente unici per un particolare bàcaro  o osteria. Cicchetti può variare  dall’uovo sodo con arringa  (uovo sodo condito con filetto di aringa),  alla marinata di acciughe  (acciughe marinate all’aceto), a una piccola porzione di seppiolina  alla  griglia  ( calamari alla griglia), al panino con il salame  (un piccolo panino ripieno di  salame locale).

A Venezia Per Cicchetti
Classica Osteria Veneziana

I cicchetti più tipici, quelli più amati dai veneziani e che è garantito trovare in quasi tutti i bàcaro, includono succulente  polpette (polpette fritte), fette di polenta alla griglia condita   con appetitoso baccalà  mantecato cremoso e crostini di dimensioni ridotte con sarde  in  saor (sardine in salsa di cipolla e aceto), solo per citarne alcuni. Indipendentemente dai cicchetti specifici che incontri, dovrebbero essere tutti preparati al momento e sono generalmente creati con prodotti stagionali e locali,  così come tutti i piatti più autentici trovati in Italia. Cicchetti può essere ordinato  individualmente o si può optare per una  cicchettava, un piatto che include una selezione delle specialità della casa. Il prezzo per un  cicchetto individuale varia da € 1,00 a € 2,50 a seconda del tipo e delle dimensioni.

Indipendentemente dai cicchetti che ordini, dovrebbero sempre essere lavati con un’ombra  del vino della casa locale. Ombra, che letteralmente si traduce in “ombra”, può riferirsi a un piccolo bicchiere di vino rosso o bianco. Una leggenda narre che il nome deriva dal fatto che i venditori di  vino veneziani si trovavano in Piazza San Marco vendendo vino dalle loro bancarelle all’ombra della torre della chiesa. Quando l’ombra si spostò, spostarono le loro bancarelle, mantenendo così fresca la loro bevanda ambrosiale.

La gente del posto diceva: “Andiamo a bere  all’ombra del campanile“, che significa “Andiamo a bere all’ombra della torre della chiesa”.

Con il passare degli anni, il detto è stato abbreviato e ora la gente del posto si limita a dire: “Andiamo a  bere  un’ombra“.

Un’altra teoria suggerisce che il termine  ombra deriva dal fatto che il piccolo bicchiere e le dimensioni del servizio sono solo una “tonalità” di un vero bicchiere di vino, quindi è per questo che la gente del posto si riferisce ad esso in quel modo, Indipendentemente dalla spiegazione in cui credi, il piacere di una bella  ombra, goduta in compagnia di amici, vive ancora oggi, sempre accompagnato da un cicchetto o due.

CHE TIPO DI VINO DEVE ESSERE ORDINATO CON CICCHETTI?

Il vino più tipico da ordinare con i tuoi cicchetti è un vino veneto.

Non molti si rendono conto che il Veneto produce la più grande varietà di vini rossi e bianchi in Italia  e produce anche il più grande volume di vino del paese, la maggior parte dei quali viene consumato localmente!

I vini migliori e più tipici da bere a Venezia sono il Prosecco, lo spumante leggero ormai famoso a livello internazionale, il Raboso, un vino rosso chiaro con un piccolo pizzico di spezie pepate, merlot, il vino rosso più comunemente consumato a Venezia, pinot grigio, un vino bianco secco molto comune sulla tavola veneziana  e Ribolla, un vino bianco leggero ma delizioso.

Come di consueto, tutti questi  vini devono essere serviti redatti, dal rubinetto. È molto raro che il vino veneto, a parte il Prosecco, sia servito da una bottiglia in un autentico  bàcaro. I vini tipici veneti sono giovani,  lisci, rinfrescanti  ed economici: un’ombra   di solito costa circa €1,00.

Se non sei dell’umore giusto per il vino, non sei tenuto a berlo quando mangi cicchetti. Invece, puoi optare per uno Spritz di fama mondiale, preparato con Prosecco di buona qualità, acqua frizzante e un tipico aperitivo italiano a tua scelta come Select, Aperol o Campari, a seconda di quanto amaro vorresti che fosse il tuo drink.

Un fine settimana a Venezia alla ricerca di Cicchetti e Ombre DSCF1120

ANDIAMO PER BÀCARI

Il rituale sociale di uscire per bevande e cicchetti è indicato dai veneziani con l’espressione andar  per bàcari, che significa andare alle enoteche. “Andar  per  bàcari”, è qualcosa di più della destinazione : significa unirsi per mangiare e bere in compagnia di amici, sfogliare i vari bar locali e fare frequenti soste nei migliori bàcari della città.

Negli ultimi anni è diventato di moda tra i  giovani trascorrere il venerdì e il sabato sera per  bàcari, ma la generazione più anziana dei veneziani locali lo farebbe ogni giorno come una sorta di  rituale di aperitivo.  Ancora oggi, non è raro vedere gruppi di uomini sui 70 e gli anni ’80 andare da un bar all’altro, bere un drink e un mordicchiare,  chiacchierare e godersi una discussione amichevole e vivace! In generale, la gente del posto va a fare un breve ombra e un piccolo cicchetto  intorno all’ora di pranzo, prima di tornare a casa per un pasto in famiglia, o la sera, intorno alle 6, di nuovo, prima di tornare a casa a cena.  

Enoteche tradizionali come i bàcari  veneziani esistono da molto tempo.

Già dal 1300 c’erano più di 20  bàcari nella zona immediatamente circostante il Ponte di Rialto.

Con una storia così lunga, non sorprende che l’etimologia della parola  bàcari abbia origini contrastanti. Secondo alcune persone, deriva dal nome Bacco, il dio del vino. Altri credono che il termine  bàcari

proviene dal bàcaro, un tipo di vino pugliese che fu la varietà più popolare a Venezia durante il XVIII secolo. L’ennesima spiegazione della parola deriva da una leggenda in cui un gondoliere coniò iltermine un giorno quando assaggiava un nuovo vino, esclamando: “xe  proprio un vin de  bàcaro”, che significa ” è un vero vino  di bàcaro”, cioè un vino da celebrare. L’espressione veneziana  far Bàcara  significa, infatti, festeggiare, festeggiare, mangiare e bere insieme!

Un tipico bàcaro si  trova spesso direttamente affacciato su strette strade veneziane, è piccolo e ha uno spazio interno molto minimale. Solo pochi  bàcari offrono  posti a sedere: di solito i clienti stanno allo sportello o per strada, quindi non è insolito vedere persone sedute sui ponti o sul bordo del canale, in particolare se il bàcaro fornisce ai propri clienti un ormeggio in barca.

Per trovare un buon  bàcaro veneziano, cerca piccole folle di persone che tengono un bicchiere di vino e un piatto di cicchetti. Quando si individua un gruppo come questo, è probabile che si trovi proprio fuori da uno dei loro  bàcari locali preferiti.

I bàcari di solito aprono intorno all’ora di pranzo e di nuovo intorno all’ora di cena, ma alcuni di loro sono aperti tutto il giorno continuamente dalle 11 del mattino alle 10 di sera – tieni presente che il cibo sarà scarso durante le ore che non sono tipiche per mangiare!

Un fine settimana a Venezia alla ricerca di Cicchetti e Ombre DSCF1246
Venezia by Night

L’EVOLUZIONE DI CICCHETTI

Al giorno d’oggi, i cicchetti possono essere mangiati non solo in bàcaro, ma come antipasti nei ristoranti.

In tal caso, il ristorante elencherà generalmente una selezione di cicchetti a base di pesce, tra cui ovuli  di  seppia  (uova di calamari), insalata di  polpo  e   gamberi  in  saor  (gamberi agrodolci).

I Cicchetti hanno anche iniziato a diffondersi in popolarità fuori Venezia e non è insolito trovarli nelle città  vicine  come Padova, la citta’ che produce l’Aperol usato per lo Spritz, e Treviso, la città natale di  Tiramisù.

Anche se cicchetti può essere ordinato in alcuni ristoranti, rinunciare all’esperienza “cicchetti sit-down” ad andar per bàcari non è solo il modo migliore per gustare buon cibo veneziano e buoni vini locali a prezzi ragionevoli, è anche un modo piacevole per godersi la  vera Venezia, lontano dal trambusto dei tipici itinerari turistici.

L’opportunità di scoprire il lato più autentico e genuino di questa incantevole città è la vera chiave per comprendere i veneziani e i piaceri della vita in un luogo dove nessuno ha fretta.

Get new content delivered directly to your inbox.

Leave a Reply