Site Loader
Cibo

by Massimo Usai

SOSTENIBILITÀ : PIÙ CIBO, MENO SPRECHI

Prendo spunto da una serie di articoli che ho letto recentemente collegati al possibile tracollo mondiale dovuto alla scellerata gestione del Pianeta fino ad oggi perpetuata da parte dell’umanità e da questo articolo ho preso spunti e numeri ed ho aggiunto alcune riflessioni per vedere se, nel mio piccolo, posso contribuire a lanciare l’allarme e la controffensiva per salvare il Pianeta.

Il tema dell’articolo che state per leggere è il cibo e i suoi sprechi.

È di comune conoscenza che ridurre le perdite lungo tutta la catena alimentare potrebbe aumentare notevolmente l’offerta e ridurre significativamente le emissioni di carbonio.

Uno dei più grossi problemi che abbiamo al mondo è la diseguaglianza economica tra classi sociali , che crea conseguenze in moltissimi settori della catena economica e che colpisce direttamente anche le classi sociali economicamente forti alla stessa maniera delle altre.

Provo a Spiegarmi con un esempio:

Immaginate di andare al mercato, comprare tre sacchi pieni di generi alimentari e tornare a casa.

Ma prima di varcare la porta, vi fermate e gettate uno dei sacchetti in un bidone della spazzatura, che in seguito verrà portato via in una discarica. 

“Che spreco”, dirette, ma questo è quello che di fatto avviene.

Collettivamente, questo è esattamente ciò che stiamo facendo oggi e questo è cosa dobbiamo assolutamente cambiare.

A livello globale, dal 30 al 40% del cibo destinato al consumo umano non viene mangiato. Dato che più di 800 milioni di persone soffrono la fame ogni giorno, l’entità della perdita di cibo dovrebbe crearci, prima di tutto, un profondo senso di angoscia.

Se la crescita della popolazione e lo sviluppo economico continueranno al ritmo attuale, il mondo dovrà produrre 53 milioni di tonnellate di cibo in più ogni anno entro il 2050. 

Tale aumento richiederebbe la conversione di altri 442 milioni di ettari di foreste e pianure – uno spazio, per dare un senso alla dimensione citata, molto più grande dell’India. Questo è quello che ci serve in termini di terreni agricoli nei prossimi 30 anni. 

L’escalation rilascerebbe anche l’equivalente di ulteriori 80 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nei prossimi 30 anni, circa 15 volte le emissioni dell’intera economia statunitense nel 2019. 

Lo spreco alimentare rappresenta già circa l’8% dei gas serra del mondo. 

Continuo con i numeri? Forse non serve, casomai bisognerebbe chiedersi:

C’è un’altra strada? C’è una via di salvezza per evitare tutto questo?

Ci sono molti studi al riguardo e mi sono fatto affascinare da uno di questi, fatto da un’Università Americana, che ha completato uno studio esaustivo delle tecnologie e delle pratiche esistenti che possono ridurre significativamente i livelli di gas serra nell’atmosfera, inaugurando al contempo una società e un’economia più rigenerative ed equilibrate.

Ridurre gli sprechi alimentari è uno dei mezzi principali per raggiungere questi obiettivi tra i 76 che sono stati analizzati e presentati. 

Gli aggiustamenti di base nel modo in cui il cibo viene prodotto e consumato potrebbero aiutare a nutrire il mondo intero con una dieta sana e ricca di sostanze nutritive fino al 2050 e probabilmente oltre, senza ripulire, piantare o pascolare più terra di quella utilizzata oggi. 

Quindi tenendo salde e salve foreste e pianure che servono all’eco sistema.

Fornire più cibo eliminando gli sprechi, insieme a modi migliori di produrre quel cibo, eviterebbe la deforestazione e si risparmierebbe anche un’enorme quantità di energia, acqua, fertilizzanti,  manodopera e altre risorse.

Le opportunità per ridurre gli sprechi esistono in ogni fase della catena di approvvigionamento, dalla fattoria alla tavola, il problema è che spesso non li usiamo.

Al momento raccogliamo colture, alleviamo bestiame e trasformiamo queste materie prime in prodotti come riso, olio vegetale, patatine fritte, carote perfettamente tagliate, formaggio e bistecche tagliate tutte su misura e pronte al supermercato. 

La maggior parte di questi prodotti sono confezionati in scatole di cartone, sacchetti e bottiglie di plastica, lattine di latta e barattoli di vetro realizzati con materiali estratti in fabbriche industriali, e poi vengono spediti su camion, treni e aerei che consumano gas in tutto il mondo.

Dopo essere arrivati nei negozi e nei ristoranti, il cibo viene trattenuto in frigoriferi e congelatori sempre affamati di energia che utilizzano idrofluorocarburi – potenti gas serra – fino a quando non vengono acquistati dai consumatori, i cui occhi sono spesso più grandi dei loro appetiti, in particolare nelle comunità più ricche. 

Nei paesi ad alto reddito, i ristoranti e le famiglie accendono le loro stufe e forni che consumano energia, e nei paesi in via di sviluppo, miliardi di persone bruciano biomassa in fornelli nocivi che vomitano fumo inquinante e malsano e carbonio nero.

Dopo tutte queste attività di produzione di rifiuti, molto del cibo che lo arriva al tavolo di un consumatore viene gettato nella spazzatura, che poi viene tipicamente trasportata da camion a combustibili fossili alle discariche dove si decompone ed emette metano, un altro potente gas serra. 

Gettare quelle lasagne avanzate che abbiamo fatto più grandi del dovuto, rappresenta molte più emissioni di un pomodoro in decomposizione che non lascia mai il terreno della fattoria dove è stato fatto crescere.

Possiamo fare di meglio tutti, prima di tutto mangiando sano e quello che ci serve, senza esagerare in spese gigantesche perché’ cosi andiamo meno al negozio.

Non mangiare più nei fast-food, per questo motivo e per il motivo che dicevo pochi giorni fa in un altro post, è un’altra grossa mano nel migliorare la propria salute e quella del pianeta.

Cibo e riciclaggio
Photo by Polina Tankilevitch on Pexels.com

INGOMBRO RIDOTTO

E’ chiaro che diete più sane e una produzione agricola più rigenerativa portano a una minore “impronta alimentare “: meno sprechi, meno emissioni e un ambiente più pulito.

Ambiente migliore e la nostra forma fisica decisamente più presentabile.

Menu bambini obesi vediamo in giro, meglio si sta facendo in questo settore.

Se metà della popolazione mondiale consuma 2.300 chilocalorie al giorno, costruite attorno a una dieta ricca di piante e mette in pratica azioni già collaudate che riducono gli sprechi lungo la catena di approvvigionamento, le perdite alimentari potrebbero diminuire dall’attuale 40% al 20%, un risparmio incredibile.

Se fossimo ancora più ambiziosi nel seguire le stesse pratiche, lo spreco alimentare potrebbe essere ridotto al 10%.

Questi risparmi deriverebbero in parte da cambiamenti nelle abitudini di base, una cosa che possono fare tutti.

Nel mondo sviluppato, abbracciare una dieta media giornaliera di 2.300 kilocalorie invece di un consumo che spesso raggiunge più di 3.000 chilocalorie riduce lo spreco alimentare, in primo luogo, poi migliora la vostra linea.

Nei paesi in via di sviluppo, l’apporto calorico e proteico generalmente deve aumentare per raggiungere livelli nutrizionali, il che può aumentare alcuni rifiuti in tutto il sistema. 

Ma nel complesso, se tutti sul pianeta adottasse pratiche di consumo sane e una dieta ricca di piante (e non sto dicendo necessariamente vegetariana), 166 milioni di tonnellate di sprechi alimentari potrebbero essere evitati nei prossimi 30 anni. 

Il feedback verrebbe inviato attraverso la catena di approvvigionamento per aumentare la produzione agricola e diminuire la produzione animale.

Ridurre gli sprechi regolando il modo in cui il cibo viene prodotto e consumato può aiutare notevolmente anche l’ambiente. 

Diversi tipi di alimenti come cereali, verdure, pesce, carne e latticini lasciano impronte ambientali molto diverse. 

In media, coltivare e raccogliere un chilogrammo di pomodori crea circa 0,35 chilogrammi di emissioni di anidride carbonica. Produrre la stessa quantità di carne bovina crea in media 36 chilogrammi di emissioni. 

Tenendo conto dell’intera catena di approvvigionamento, le emissioni di gas serra derivanti da prodotti a base vegetale sono da 10 a 50 volte inferiori rispetto alla maggior parte dei prodotti di origine animale.

Inoltre, l’agricoltura industriale ha diffuso la monocoltura, l’eccessiva lavorazione del terreno e l’uso diffuso di fertilizzanti sintetici e pesticidi. Queste pratiche degradano il suolo ed emettono una grande quantità di gas serra. 

Il consumo di erbe e mangimi da parte del bestiame aggiunge ulteriori emissioni.

Le pratiche agroecologiche di gestione dei parassiti, come piantare diverse colture insieme, e una rotazione delle colture più intelligente possono sopprimere parassiti ed infestanti, riducendo queste perdite. 

Non solo, migliori pratiche di gestione del bestiame, possono migliorare la qualità e la quantità dei prodotti di origine animali, e poiché le pratiche agricole rigenerative – che possono aumentare la resa dal 5 al 35 percento, ripristinando i terreni e estrarre più carbonio dall’aria – utilizzano compost e letame invece di fertilizzanti artificiali, qualsiasi cibo che non riesce a lasciare il cancello della fattoria può essere riciclato come fertilizzante naturale o può essere convertito da digestori anaerobici in biogas per l’energia in azienda. 

Insomma, non consumare un cibo che non ci serve, aiuta l’intero pianeta a migliorare la propria salute e aiuta l’economia.

Cibo
Photo by Pixabay on Pexels.com

SALVARE IL TERZO SACCHETTO È QUINDI LA PREROGATIVA

Nei paesi a basso reddito, la maggior parte del cibo viene persa prima ancora di arrivare sul mercato. Migliorare l’istruzione e la formazione professionale per gli agricoltori e i produttori, insieme a tecnologie innovative, può ridurre al minimo gli sprechi. 

Lo stato indiano del Jharkhand, ad esempio, ha installato unità di refrigerazione a energia solare che consentono agli agricoltori che producono verdure, frutta e altri prodotti deperibili di conservare i loro prodotti senza sacrificare la qualità.

Questo lo possono fare i grandi produttori, come i piccoli coltivatori.

La formazione è basilare per aiutare gli agricoltori locali a coltivare più cibo nelle condizioni create dai cambiamenti climatici, utilizzando colture che tollerano meglio la siccità e l’agricoltura stessa per proteggere il suolo appassito.

Nei paesi ad alto e medio reddito, la maggior parte dei rifiuti si verifica alla fine della catena di approvvigionamento: mercati e famiglie

Noi consumatori abbiamo un’enorme quantità di potere per prevenire gli sprechi. 

Un buon primo passo è riflettere su cosa e quanto stiamo acquistando. 

Questo inizia con decisioni consapevoli di acquistare ciò che intendiamo mangiare e di mangiare ciò che acquistiamo. 

Piuttosto che sovraccaricare di prodotti deperibili e altri prodotti, l’acquisto di quantità adeguate di cibo riduce gli sprechi. 

Se si cucina troppo per la tavola, conservare correttamente gli avanzi riduce il deterioramento, oppure possono essere condivisi con i vicini o con le persone meno fortunate nelle nostre città, costruendo legami più forti con la comunità, anziché’ stare tutto il giorno su facebook o Twitter.

È evidente che sono necessari cambiamenti culturali ampi, non complessi, ma decisamente delle modifiche serie dei nostri comportamenti. 

Grossisti, rivenditori e ristoranti possono svolgere un ruolo significativo nel ridurre le pile di rifiuti. 

Possono richiedere che i fornitori utilizzino più cibo proveniente da fattorie rigenerative locali. 

Garantire che i prodotti alimentari siano venduti con etichette chiare e standardizzate “vendi entro / usa da” aiuta i responsabili dei negozi a sapere quando contrassegnare gli articoli e aiuta i consumatori a sapere quando e quando non smaltire il cibo. 

I proprietari di ristoranti possono offrire porzioni di diverse dimensioni e meno voci di menu e possono incoraggiare i clienti a portare a casa gli avanzi.

Inoltre, i clienti dei ristoranti dovrebbero imparare a gustare il cibo che mangiano preparato per loro e non voler piatti enormi che nella maggioranza dei casi non vengono consumati per intero.

Anche i governi e le aziende che offrono servizi di ristorazione ai dipendenti possono fare i loro passi importanti in questo settore.

immaginate se i responsabili delle aziende governative scegliessero di offrire piatti ricchi di piante realizzati con prodotti perfettamente imperfetti acquistati da fornitori rigenerativi. Google sta già facendo così nei suoi caffè e tavole ristoranti dentro le loro aziende, può essere esteso ovunque.

Ad ogni modo non importa quanto siamo coscienziosi e scrupolosi nella nostra azione, alcuni alimenti andranno inevitabilmente persi lungo la catena di approvvigionamento.

Cibo e Alimentazione

Ma l’importante è cominciare e cambiare la tendenza. 

Meglio lasciare il cibo nelle campagne che riempirci le case, perché’ compostaggio è un modo migliore di smaltimento rispetto allo scarico di cibo nelle discariche perché creano terreno fertile o generano elettricità nelle aziende meglio attrezzate. 

Alcuni stati ora hanno introdotto leggi che richiedono che i rifiuti organici siano deviati dalle discariche per evitare potenti emissioni di metano. È un azione importante, e l’analisi di Project Drawdown mostra che l’implementazione di queste soluzioni a livello globale può ridurre le emissioni di gas serra di circa 14 miliardi di tonnellate nei prossimi 30 anni.

Come tutti sappiamo la vera magia avviene quando una varietà di soluzioni vengono adottate in parallelo e sostenute nel tempo. Le decisioni che le persone prendono come agricoltori, dirigenti, droghieri, chef e consumatori possono prevenire perdite alimentari sufficienti per nutrire il mondo fino al 2050 senza convertire più terra. 

Ciò significa che insieme possiamo eliminare la fame e sostenere una popolazione globale più sana. E ci sarebbero ancora abbastanza terreni coltivati disponibili per coltivare piante per materiali organici come bioplastiche, isolamento  e biocarburanti.

Rinnovare la catena alimentare e regolare le abitudini alimentari non avverrà da un giorno all’altro, non illudiamoci, Né possiamo aspettarci di diventare immediatamente perfetti, rigenerativi, meticolosi riguardo ai nostri acquisti e a ciò che sprechiamo. Il nostro compito più fondamentale è quello di essere coscienziosi riguardo alle scelte che facciamo, di cercare di essere “soluzionisti” il più possibile. 

Insieme possiamo salvare quel terzo sacchetto di generi alimentari di cui parlavo all’inizio e che chiaramente non ci serve.

Ci sono molti articoli online riguardo questo argomento, molti potete trovarli con una semplice ricerca su google, ma io vi consiglio questo articolo dal The Guardian.

Massimo Usai

Leave a Reply

Related Posts More From Author